Aforismi

Signore, fa’ che quando ti prego non mi senta come il fariseo, migliore degli altri, ma sperimenti, come il pubblicano, il desiderio di dirti con il cuore: “abbi pietà di me peccatore”.

Articoli correlati

Il nostro perdono

Giulia Pennaroli

Estote parati

Alberto Coletto

Perseveranza nella preghiera

Giulia Pennaroli