Home » La croce-albero dei battezzandi nella chiesa di San Nazario
Attività parrocchiali

La croce-albero dei battezzandi nella chiesa di San Nazario

“Portiamo nel cuore e nelle nostre preghiere i bambini e le bambine che ricevono il Battesimo”

Nella chiesa di San Nazario è stata collocata la croce-albero dei battezzandi, realizzata da Progetto Davide, per dare un segno visibile dei nuovi volti dei bambini e delle bambine che entreranno a far parte della Comunità parrocchiale grazie al sacramento del Battesimo; si tratta, dunque, di un «supporto visivo, per aiutarci a portare ognuno di questi volti, insieme alle loro famiglie, nel cuore e nelle preghiere dei fedeli e ad accompagnarli nel loro percorso di crescita».

La forma scelta desidera ricordare che «la Croce per i Cristiani non è simbolo di morte, ma di resurrezione, e grazie al dono del Battesimo ognuno si riconosce come figlio amato di Dio ed è chiamato a vivere da risorto. Gesù ci dice: “Chi rimane in me e io in lui porterà molto frutto”. E’ l’Amore di Dio, che è comunione, che ci aiuta a portare frutto e, come un grande albero, ad offrire ombra e ristoro ad altri fratelli».

Spiega il parroco, don Luciano: «Portiamo nel cuore e nelle nostre preghiere i bambini e le bambine che ricevono il Battesimo. Grazie al dono di questo sacramento, ognuno di noi si riconosce come figlio amato di Dio ed è chiamato a vivere da risorto. Gesù ci dice: “Chi rimane in me e io in lui porterà molto frutto”. E’ l’Amore di Dio, che è comunione, che ci aiuta a portare frutto e, come un grande albero, ad offrire ombra e ristoro ad altri fratelli. Nel paradiso terrestre c’era l’albero della vita di cui Adamo e Eva potevano nutrirsi, ma dopo il peccato, ingannati dal serpente, è stato loro impedito l’accesso. Senza potersi nutrire della vita l’uomo muore e cerca allora la vita là dove non la si può trovare e sperimenta la morte. Allora il Figlio di Dio assume la nostra umanità mortale e ci offre un altro albero della vita, la croce, segno dell’amore di Cristo nel quale gli uomini possono trovare la vita. Infatti è l’amore che dona la vita. Lui è la vita e l’adesione a Lui nella Chiesa ci fa partecipare della sua vita immortale».

 

Articoli correlati

Famiglie per le famiglie

Giulia Pennaroli

Lotteria di San Nazario

Giulia Pennaroli

Quaresima di fraternità 2024

Giulia Pennaroli

Rispondi