Home » Curiamo la Terra
Arte & CulturaVillarbasse

Curiamo la Terra

Concorso fotografico
“Festa di San Nazario – Villarbasse”
prima edizione

Curiamo la Terra

La Parrocchia di San Nazario Martire – Villarbasse organizza la prima edizione del Concorso fotografico «Villarbasse – Festa di San Nazario». Il tema del concorso è: «Curiamo la Terra».

Il concorso si svolge dal 10 luglio al 24 settembre 2023. Sono previste una fase di iscrizione (scadenza 15 agosto 2023) e una fase per la consegna delle fotografie (scadenza 10 settembre 2023).

L’iscrizione è gratuita. Il concorso è aperto a tutti i fotografi amatoriali. Sono previste due categorie: «Under 18» e «Adulti». Il numero di fotografie da presentare (da 1 a 3) verrà indicato dagli organizzatori al termine della fase di iscrizione e verrà stabilito in base al numero di iscritti. Le fotografie dovranno essere consegnate, a pena di esclusione, entro domenica 10 settembre 2023, stampate in formato 20×30 su carta fotografica, a colori o in bianco e nero, alla segreteria organizzativa (Parrocchia di Villarbasse – Piazza delle Chiese 2 – Villarbasse)

Le fotografie partecipanti verranno esposte (in forma anonima) dal 16 al 24 settembre nel Salone Parrocchiale di Villarbasse (via Le Carre), per essere votate dai visitatori dell’esposizione. Il voto della giuria popolare verrà ponderato al 50 per cento con il voto della giuria tecnica, composta da Giò Palazzo (presidente), Lavinia Quagliotti ed Ezio Sarà.

Sia nella categoria «Under 18» che in quella «Adulti» gli autori delle prime tre fotografie più votate riceveranno un attestato. La consegna degli attestati avverrà nel pomeriggio di domenica 24 settembre, giornata conclusiva della Festa di San Nazario 2023.

Regolamento del Concorso

Regolamento_concorso_fotografico_Villarbasse_San_Nazario

Iscrizioni terminate!

Articoli correlati

Incontro con don Luigi Ciotti

Giulia Pennaroli

In crescita il numero di famiglie sostenute dalla Caritas parrocchiale

Alberto Coletto

PRENDERSI CURA DEL CREATO. Non padroni ma custodi e responsabili

Giulia Pennaroli

Rispondi